SERIE

POTERE E BELLEZZA



POTERE E BELLEZZA


Le dinastie che hanno fatto la storia – e la bellezza – dell’Italia.

I Borbone e i Savoia, gli Altavilla e gli Asburgo, i Farnese e gli Angioini. Ma anche lo Stato Pontificio e la Repubblica di Venezia. Sono le dinastie europee che hanno regnato in diverse regioni della penisola italiana e hanno lasciare un segno anche culturale e artistico, del proprio potere. Le racconta, per otto puntate, a partire da Napoli e i Borboni, il nuovo programma di Rai Cultura “Potere e Bellezza”, in onda da lunedì 16 novembre alle 21.30 su Rai Storia. Il programma – una coproduzione Rai Storia e Ballandi Multimedia\Ballandi Arts – è di Mario Paloschi e scritto da Andrea Cedrola, per la regia di Emanuela Flangini.
In primo piano il rapporto tra dinastie e territori italiani, perché ogni famiglia reale ha legato il nome a una città in particolare, che ne poi è divenuta il simbolo, tra splendori e contraddizioni. Un viaggio che va da Napoli a Torino, da Palermo a Firenze e a Parma, per concludersi con Roma e Venezia, città-dinastie che nei papi e nei dogi hanno identificato i propri sovrani.
La narrazione è affidata a uno storico, Igor Santos Salazar, a uno storico dell’arte, Paolo Cova, e a un esperto di ogni dinastia: Tomaso Montanari, Walter Barberis, Fulvio Delle Donne, Marco Bellabarba, Antonio Ernesto Denunzio, Federico Barbierato, Francesco Paolo Tocci, Renata De Lorenzo.
Nella prima puntata il racconto dei Borboni parte da Carlo di Borbone, re di Spagna nel 1759 con il nome di Carlo III, ma il protagonista è il figlio Ferdinando IV, che unifica i Regni di Napoli e di Sicilia, assumendo il nome di Ferdinando I delle Due Sicilie. Dal punto di vista artistico, significa incontrare la grande pittura del Barocco, con Caravaggio, Battistello Caracciolo, Luca Giordano e Mattia Preti, ma si analizzano anche monumenti del Settecento napoletano legati ai Borbone: Palazzo Reale, Piazza del Plebiscito, la Reggia di Caserta. La puntata è arricchita dagli interventi della professoressa Renata de Lorenzo, docente di Storia moderna all’Università Federico II di Napoli, specializzata sugli aspetti economici e sociali del Mezzogiorno nel periodo preunitario.
La puntata è preceduta, alle 21.20 da uno Speciale di “Italia: Viaggio nella Bellezza” dedicato a Mantova, Capitale Italiana della Cultura per il 2016. Il programma propone una panoramica dei grandi capolavori artistici custoditi a Mantova, come gli affreschi del Mantegna a Palazzo Ducale e il meraviglioso Palazzo Te, ma racconta anche le altre eccellenze artistiche e culturali della città che si prepara alla sfida del 2016 perché, come dice il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Dario Franceschini, intervistato da “Italia: Viaggio nella Bellezza”: “essere capitale italiana della Cultura rappresenterà sempre più un titolo ambito. Mette in moto una progettazione complessiva sulle città che coinvolge il privato, il pubblico, le istituzioni. La sfida che abbiamo di fronte, dal punto di vista dei crescenti flussi di turismo internazionale verso l’Italia è quella di fare in modo che turisti non vadano solo nei centri storici di Venezia, Roma e Firenze, ma vadano a vedere la bellezza che è sparsa su tutto il territorio nazionale.”


Potere e Bellezza
Potere e Bellezza
Potere e Bellezza
Potere e Bellezza